Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - Manifesto del I Centenario della Madonna delle Grazie

Manifesto del I Centenario della Madonna delle Grazie
L'anno in corso chiude Madonna delle Grazie sull'altare della sua Chiesa in Cerchio incanto ogni cittadino di sparare con alito in .... fabile l'uoco di amore che strinse.
 
IL GIORNO 27

A mezzogiorno una fragorosa e prolungata salve di mortai, seguita dal suono di tutte le campane del paese, apriranno la festa, e nella sera prima del Vespro, vi sarà la tradizionale processione durante la quale, tuoneranno incessantemente i mortai dei rinomato Federico Puglielli di Pratola Peligna: Una fulgida luminaria pirotecnica e lo scoppio di svariate e innumerosissime granate, opera dell'esimio artista cittadino Amiconi, annunzieranno ed accompagneranno la Vergine benedetta, USCITA A RICONOSCERE LA SUA PREDILETTA EREDITA. Alla funzione religiosa eseguiranno scelti pezzi musicali eseguiti dalle due Bande.

IL GIORNO 28

Nel mattino vi sarà una ricca salve di mortari, ed il consueto suono delle Bande. Alle ore dieci avverrà la solenne benedizione della CHIESA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE testè artisticamente decorata dal Prof. GIOVANNI FENEZIANI di Aquila, e che sarà riaperta al culto, terminata la festa. 
A mezzogiorno nella Chiesa Parrocchiale sarà fatta la funzione religiosa con apposita conferenza a Filarmonica di Morino eseguirà la messa di rinomato autore. Seguirà la processione durante la quale si ripeterà lo sparo di ferro e di carta degli artistici cittadini. Nella sera dopo i vespri le Bande svolgeranno scelti programmi musicali; avranno luogo volati di fantastici globi areostatici, ed in ultimo l'ardito artista FIORE CERA di Raiano incendierà una brillante girandola.

Clicca sulle immagini
per ingrandirle
      

Manifesto del 1903 - I° Centenario della Madonna delle Grazie

1903 Il manifesto del I°Centenario della Madonna delle Grazie
  

    
Manifesto della festa del I° Centenario

Manifesto del 1903 della festa del I° Centenario

IL GIORNO 29

Il solito sparo di mortari saluterà il giorno nascente. Le musiche allieteranno col loro suono il paese ed a mezzogiorno saranno eseguite funzioni religiose con pompa maestosa. L'illustre Oratore parlerà ai fedeli sull'affettuoso argomento [che] li ha raccolti intorno a lui, e chiuderà il servizio religioso una devota processione durante la quale avranno luogo spari di ferro del Puglielli e di carta del ben noto Lorenzo Calderozzi di Pratola Peligna. 
Alle ore 16 farà l'ascensione col pallone di seta l'areonanta ROMEO ZAMBIANCHI di Atri. Alle 23 ROMEO RECANATI da Napoli, specialista, e[segu]irà brillanti proiezioni cinematografiche (queste sono le prime nella storia di Cerchio). Alle 24 il premiato artista GIUSEPPE DEL MANZO da [Magliano de' Marsi darà un'altra prova del suo valore con l'incendio d'ingegnosa girandola.

IL GIORNO 30

Strepitosa salve di mortai dei fratelli d'amore annunzierà il giorno festivo, e le musiche col loro suono terranno desta la pubblica giornata mezzogiorno avverrà la solenne funzione religiosa, nella quale la giovane filarmonica di Morino eseguirà altra classica messa, e l'oratore tesserà le lodi della Vergine, come egli sa fare. Seguirà la processione della MADONNA DELLE GRAZIE, il cui passaggio sarà salutato con salve continue di mortaretti e di carta, eseguite da ambo gli artisti di Pratola, annunzianti con maestoso terrore che la REGINA DEL CIELO percorre con ineffabile degnazione la terra nostra. 
Alle ore 16 vi sarà l'ultimo vespro, indi le musiche eseguiranno alternativamente i loro PROGRAMMI; il Recanati darà altre attraenti proiezioni cinematografiche, ed in ultimo il valoroso artista Rocco Bellafante di Francavilla spiegherà tutto il suo genio, in una BRILLANTISSIMA GIRANDOLA, nella quale rivelerà i più recenti trovati dell'arte. 
Terminati i pubblici divertimenti, cittadini e forestieri accompagneranno processionalmente il Santo Simulacro dalla Chiesa Parrocchiale a quella sua, tra il suono delle musiche, il canto dei SACERDOTI ed il fragoroso rombo dei mortari; ed ivi la VERGINE SANTA, sedendo di nuovo su quell'ALTARE, nel quale prodigiosamente si ripresentò nel principio del secolo ora morto, nella SUA-MATERNA compiacenza, accomiaterà gli astanti, ripetendo col Salmista: 
Hace requies imea in Sacculum sacculi; hic habitabo quoniam elegi eam

Cerchio, Agosto 1903

AVVISO SPECIALE

L'Autorità locale di P.S. per ragione di ordine noti concede permesso di sosta a giocolieri, ginnasti, suonatori ambulanti, espositori di mostre di qualunque genere, ecc. Ciò per norma di chi può avervi interesse.
 
 
 
Sei in: - STORIA - Manifesto del I Centenario della Madonna delle Grazie

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright