Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - La Bolla della Perdonanza Celestiniana

La Bolla della Perdonanza Celestiniana
Ecco qui di seguito riprodotta la Bolla Celestiniana, nota come prima bolla della "Perdonanza Celestiniana".

Servus servorum Dei, Universis Christi fidelibus presentes litteras inspecturis, salutern ci apostolicam benedictioriem. Inter sanctoruin solemnia S. Iohannis Baptiste memoria eo est solemnius honoranda, quo ipse de alvo sterilis rnatris procedens, fecunclus virtutibus, sacris eulogiis et ficunclus fons, apostolorurn labium et silentium prphentarum in terris Christi presentiam, caliginantis mundi lucernain, ignorantie obtectis tenebris, verbi preconio et inclicis (iudicis?) signo mirifico nuntiavit, propter quod cius gloriosurn rnartyriuni mulieris impudice indictum, intuitu misterialiter est secuturn. Nos, qui in ipsius Sanctidecollatione Capitis, in ecclesia sancte Marie de Collemayo Aquiiensi Ordinis S. Benedicti, suscepimus diadernatis, impositurn capiti nostro, insigne, hymnis et canticis ac fideliurn devotis dicta ecclesia precipuis extollatur honoribus et populi Domini devota frequentia tanto devotius et ferventius honoretur, quanto inibi querentium. Dominuiri supplex postulatio gemmas ecelesie donis rnicantes spiritualibus sibi reperiet in eternis tabernaculis profuturas, omnes vere penitentes et con fessos, qui a vesperis eisdern festivitatis vigilie usque ad vesperas festivitatem ipsam immediate sequentes ad premiss missam. ecclesiam accesserint annuatini, de omnipotentis Dei rnisericordia et beatoruni Petri et Pauli, apostolorum eius, auctoritate confisi, a baptismo absolvimus a culpa et pena, quam pro suis merentur corrimissis omnibus et delictis.// Datum Aquile, III Kalendas octobris, pontificatus nostri anno primo.

  


Traduzione:
"Celestino Vescovo, servo dei servi di Dio, a tutti i fedeli di Cristo che vedranno questa lettera, porge il saluto e l'apostolica benedizione.

 Tra le feste dei santi tanto più solennemente deve onorarsi la memoria di san Giovanni Battista in quanto egli, nascendo dal grembo di una donna sterile, fecondo di virtù, di santi doni, fonte feconda della parola degli apostoli e silenzio dei presenti, annunciò con pubblici discorsi e col segno meraviglioso del suo indice la presenza di Cristo in terra, luce del mondo immerso nelle tenebre dell'ignoranza, per la qual cosa seguì misteriosamente il suo glorioso martirio, imposto dalla visione della donna impudica. 
 
Noi, che nel giorno della Decollazione di cotesto santo, nella chiesa aquilana di Santa Maria di Collemaggio dell'ordine di san Benedetto, ricevemmo l'insegna del diadema impostoci sul capo, desideriamo che questa chiesa sia ancora più onorata e venerata con inni e canti e con le preghiere devote dei fedeli. 
 
Perciò, affinché in questa, stessa chiesa la festa della Decollazione del Battista sia elevata ci onori speciali con la devota frequenza del popolo del Signore e tanto più devotamente e assiduamente sia onorata, quanto più la semplice invocazione di coloro che si rivolgono al Signore lì trovi i gioielli della Chiesa risplendenti di doni spirituali che giovino a essi nei tabernacoli della vita eterna, tutti coloro che saranno veramente pentiti dei peccati confessati e che dai vespri della vigilia della festa fino ai' vespri immediatamente seguenti la festa stessa ogni anno entreranno nella predetta chiesa, assolviamo da ogni colpa e pena che meriterebbero per i loro delitti e per tutto quel che commisero a partire dal battesimo, per la misericordia di Dio onnipotente, e confidando nell'autorità dei santi Pietro e Paolo, suoi apostoli. 

Dato all'Aquila, il 29 settembre del primo anno del nostro pontificato
 
 

 
Sei in: - STORIA - La Bolla della Perdonanza Celestiniana

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright